Pievepelago

A 781 m slm, Pievepelago, nel cuore del Parco Regionale dell'Alto Appennino Modenese, è amato e ammirato per i suoi tesori, tutti da scoprire attraverso piacevoli e rilassanti passeggiate nei boschi.

DA NON PERDERE:

-
I laghi: il Lago Santo, il più grande dei laghi appenninici, ben raggiungibile attraverso i numerosi sentieri; il Lago Baccio, ragg...

A 781 m slm, Pievepelago, nel cuore del Parco Regionale dell'Alto Appennino Modenese, è amato e ammirato per i suoi tesori, tutti da scoprire attraverso piacevoli e rilassanti passeggiate nei boschi.

DA NON PERDERE:

-
I laghi: il Lago Santo, il più grande dei laghi appenninici, ben raggiungibile attraverso i numerosi sentieri; il Lago Baccio, raggiungibile dal Lago Santo facilmente e in mezzora; il Lago Turchino, a tre ore dal Lago Santo; il Lago Torbido, a due ore e mezzo dal Lago Santo.
- Chiesa di Santa Maria Assunta: pieve costruita nel 1868 su progetto di Cesare Costa, architetto originario di Pievepelago.
- Oratorio di San Luigi, costruito nel 1754.
- Oratorio dei Bianchi, costruito alla fine dell'Ottocento grazie all'Imperatrice d'Austria di passaggio da Pievepelago.
- Fontana di piazza Ricci: risalente al 1896 e realizzata in sasso da scalpellini del posto.

PECULIARITA':

- Roccapelago
: frazione del comune di Pievepelago nota per essere stato teatro di una importantissima scoperta archeologica conservata presso il 
Museo delle Mummie: gli scavi archeologici condotti in occasione dei restauri sulla chiesa della Conversione di San Paolo hanno portato alla luce i resti della rocca, della chiesa preesistente, sepolture e una cripta con corpi mummificati: si tratta di mummie naturali di bambini e adulti. Sono stati rinvenuti, inoltre, numerosi oggetti appartenenti ai defunti.
- Casoni di Sant'Andrea: frazione del comune di Pievepelago cui si possono ammirare le capanne celtiche, antichissime strutture simili a quelle che si trovano in Europa settentrionale continentale e insulare.
- Casa Mordini: frazione del comune di Pievepelago che conserva il più antico olmo montano d'Italia, con un'età di 600 anni; accanto vi è una cappella mariana e nei pressi una sorgente.
- Sant'Anna Pelago: frazione del comune di Pievepelago con intensa vocazione turistica e punto di partenza per escursioni sul crinale appenninico.
- Ponte della Fola: al confine tra i comuni di Pievepelago e Riolunato, fu eretto nell'alto Medioevo, è in sasso e a schiena d'asino.

EVENTI:

- Infiorita Corpus Domini: nell'antica via Tamburù la domenica del Corpus Domini (circa due mesi dopo la Pasqua) al mattino vengono realizzati sulla strada tappeti multicolori con i fiori di montagna, su cui transiterà il sacerdote durante la processione di mezzogiorno.
Rassegna Verde Pieve: la terza domenica di maggio, è una mostra-mercato dei prodotti della terra.
- Sagra del mirtillo e dei prodotti del sottobosco
, il secondo fine-settimana di agosto.
- Festa del Fungo Porcino
, alla fine di settembre presso Sant'Annapelago. 
- Sagra delle Tre Farine
, a fine ottobre.
- Festa della Castagna
, il 1° novembre.

Di più

Riolunato (Museo + citta) Roccapelago (Mummie) Fiumalbo (Città)

Mostrando 1 - 1 di 1 articolo